Zigant Pignoletto Superiore Classico

2019

Il profilo gustativo di Zigant Pignoletto Superiore Classico

Annata

2019

Denominazione

Colli Bolognesi Docg

Grado alcolico

13.5

Bottiglie prodotte

0

Filosofia produttiva

Perché Zigant Pignoletto Superiore Classico

Se il Pignoletto più conosciuto è quello frizzante, in versione charmat, il più elegante, oltre che l'unico vino del bolognese ad avere ottenuto la DOCG, è quello fermo. Il Colli Bolognesi Pignoletto Superiore DOCG "Zigant" Lodi Corazza spicca per eleganza e corpo, e richiama nel nome il Nettuno di Piazza Maggiore - il “zigant”, come lo chiamano a Bologna. Come gli altri della cantina, è un vino identitario, molto rappresentativo del luogo e dell'annata: si distingue per la freschezza e il corpo con cui si presenta al sorso, rimanendo molto equilibrato, e dimostrando un'insospettabile capacità di evolvere nel tempo.

Abbinamenti

Carni bianchi, piatti a base di pesce, formaggi freschi. 

Colore

giallo-dorato

Note di degustazione

Aromi balsamici
Aromi floreali
Aromi minerali
Frutta appassita
Frutta secca

Gusto

Freschezza e corpo sono le caratteristiche più distintive, unite a una bella sapidità e una buona persistenza, per una bevuta molto piacevole e di personalità.

Come servirlo

Temperatura di servizio: 8° - 10°

Da bere subito in un calice di media ampiezza, può riposare in cantina anche tre anni, evolvendo nel tempo. 

Per saperne di più