Torre Fornello

Un vino fatto di passione e tenacia

La tradizione incontra l’innovazione, con un occhio sempre volto ad arte e cultura

La storia di Torre Fornello affonda le radici nei secoli passati, dal Diacono Gerardo che ne parla nel 1028, a Donna Luigia che a metà Ottocento si raccomanda di non frazionare mai la proprietà: nomi che tornano nei vini dell’azienda, a testimoniare un legame inscindibile con la propria storia. Ma Torre Fornello oggi è soprattutto la passione, la tenacia, l’amore per la sperimentazione e la cultura di Enrico Sgorbati, da più di vent’anni patron di questa grande azienda del piacentino.

Vigneti

Circa 60 ettari in due corpi distinti.

Uve e vitigni

Dai vitigni internazionali a quelli tipici del piacentino: malvasia di Candia aromatica, ortrugo, barbera, croatina (localmente chiamata bonarda). 

Terreno

Ricchi di argilla e ferro e poveri di calcare superficiale.

Sistema di coltivazione

Grande attenzione alla sostenibilità ambientale, con certificazione biologica da anni.

Vinificazione

Lavoro molto attento e personale, con uno stile estremamente riconoscibile e nessun intervento che snaturi la territorialità dei vini.