Damijan

La natura nel bicchiere

Quando la sperimentazione diventa armonia.

Nonostante la giovane età, Damijan Podversic può già vantare una profonda esperienza nella produzione di vini, maturata accanto al suo maestro: Josko Gravner. Nelle sue vigne sulle pendici del Monte Calvario alle porte di Gorizia, Damijan porta avanti una viticoltura attenta ai ritmi della natura, genuina e lontana dai processi di raffinazione moderna. In queste vigne, Damijan ha deciso di piantare solo varietà autoctone come il Tocai Friulano, la Malvasia e la Ribolla gialla. Nelle sue cantine, i vini bianchi sono fermentati sulle bucce con i lieviti naturali e questo li rende unici e ben riconoscibili. L'attenzione ai dettagli di Damijan Podversic si vede in tutto il percorso dei suoi vini fino alla messa in commercio: nessun vino va sul mercato se non è prima passato dalla degustazione. 

Nelle parole del produttore

 

Friuli, terra di passaggio di culture. Ci troviamo a 2 km dal confine sloveno sulle pendici del Monte Calvario nel Collio. A 20 km verso sud: il mare, a 30 km verso nord: le montagne. Viviamo tra gli estremi, lavorando vigneti semi - eroici. Terrazzamenti ripidi composti da rocce friabili: la Ponca (Opoka sl.) – composta da marne arenarie stratificate. L’estremo fa parte anche della nostra storia dove negli ultimi 100 anni la terra ha sofferto le guerre e poi l’abbandono di terre vocate.

La nostra realtà è figlia di tutti questi cambiamenti. Dodici ettari di superficie vitata sono il frutto di tre generazioni della famiglia Podversic. Il mezzo ettaro a San Floriano ci riporta alla generazione del bisnonno Hermenegild che ebbe tre figli. L’ultimo, nonno France ha gestito l’osteria di famiglia per tutta la sua vita. Portava in sé una grande passione per la Natura e il vigneto decidendo di acquistare nel 1970 2 ettari a Gradisciutta e così vinificare il vino per la mescita. Dietro al banco dell’osteria nacque e crebbe Damijan, condividendo la stessa passione con il padre France. Sognatore determinato, non perse tempo a iniziare subito nel 1987 a coltivare e riscoprire vigneti abbandonati per produrre poi la prima bottiglia nel 1998.

Figlia di tutti questi percorsi è anche Tamara, la seconda dei tre figli di Elena e Damijan. Insieme stiamo crescendo con i vigneti nella consapevolezza che la terra non ci appartiene, ma che ne stiamo custodendoi valori. Una viticoltura sensibile, incentrata sul linguaggio della Natura ci porta a scoprire anno dopo anno le esigenze della vite nel rispetto del suo equilibrio. Il vino è frutto del lavoro annuale nel vigneto, la cantina invece solo la mano che trascrive l’impegno raggiunto. 

Dal 1994 abbiamo scelto di piantare solo le varietà autoctone come il Tocai Friulano, la Malvasia e la Ribolla Gialla nel rispetto delle caratteristiche pedo-climatiche. Terreni rivolti per verso sud e sud-ovest, con impianti fitti di 8.000 ceppi per ettaro, defogliazioni mirate e rese basse, ci permettono di concludere il ciclo della vite con il seme dolcemente maturo.

Il pensiero che ci accompagna su queste colline è di ridare loro la voce attraverso il bicchiere, ritrovando gli estremi che le caratterizzano: le montagne e il mare, il vino croccante e il ritmo caldo o freddo delle vendemmie. La nostra mano invece solo come appiglio per tenere teso il filo rosso della vita dal vigneto alla cantina, per far sì che questi terreni non vengano più abbandonati.

Vigneti

10 ettari. I vigneti più importanti si trovano sui pendii boscosi del Monte Calvario, rivolti a sud. 

Uve e Vitigni

Nei vigneti di Damijan Podversic la varietà dei vitigni è legata alla latitudine. Qui infatti la fanno da padrone la Ribolla Gialla, la Malvasia Istriana e il Friulano. 

Terreno

La terra della tenuta Damijan Podversic è composta da marna e arenaria ed è perfetta per la viticoltura grazie alla sua caratteristica di trattenere l'acqua nei periodi estivi.

Sistema di coltivazione

La viticoltura qui avviene seguendo i dettami dell'agricoltura biologica e nel pieno rispetto dell'equilibrio e della salute delle piante. 

Vinificazione

Nelle cantine Damijan Podversic non si utilizzano pratiche di affinamento moderne e standardizzanti, ma si prediligono tecniche di vinificazione naturale. In questo modo si preserva l'alta qualità della materia prima raggiunta in vigna.

Perché è in Vinevo

Forse è la vita al confine tra Italia e Slovenia che ha favorito Damijan Podversič nel saper cogliere le diversità. Damijan è un maceratore estremo e un viticoltore attento, ma è anche qualcuno che ha affrontato e superato i limiti di una tradizione consolidata, coinvolgendo e affascinando anche chi inizialmente era restio a comprendere l’importanza della sua visione innovativa. Una visione che non è che mescolanza di storia e cultura: questo è il percorso intrapreso da Damijan con la moglie Elena, oggi affiancati dalla figlia Tamara.
La ricchezza del sapere e la propensione all’ascolto sono ingredienti vitali per gli sperimentatori come lui. 
E infatti i vini di Damijan sono armonia pura, un qualcosa che tutti devono assaggiare almeno una volta per capire davvero l’importanza della scelta del frutto, del lavoro in vigna, della cura del seme e del giusto punto di maturazione ispirato al rispetto quasi maniacale di quello che la natura è e può dare. Queste sono parti vitali del suo credo, e noi lo condividiamo.