NRG Memorie di Vite Nuragus di Sardegna

2019

Il profilo gustativo di NRG Memorie di Vite Nuragus di Sardegna

Annata

2019

Denominazione

Doc

Grado alcolico

13

Bottiglie prodotte

1500

Filosofia produttiva

Artigianale
Biologico

Perché NRG Memorie di Vite Nuragus di Sardegna

Il vino "NRG - Memorie di vite" è un bianco corposo e strutturato, frutto del recupero di un vitigno autoctono dell'isola, secondo la filosofia di Luciana e Piero Cella. I suoi vitigni a bacca bianca hanno circa 60 anni e sono piantati su un suolo sabbioso e argilloso. 

Il bianco "NRG - Memorie di vite" ha un colore giallo intenso con leggeri riflessi dorati. Al naso è piacevole e fragrante con aromi di frutta a polpa bianca, spezie, erbe officinali e arbusti spontanei della macchia mediterranea. Al sorso è armonioso e morbido con un finale sapido e fresco. 

 

Abbinamenti

Grazie alla sua struttura, il bianco "NRG - Memorie di vite" può accompagnare antipasti sia di mare sia di terra, e primi e secondi piatti a base di pesce dal gusto deciso.

Colore

bianco

Note di degustazione

Aromi minerali
Aromi speziati
Frutta a polpa chiara

Gusto

Armonioso e morbido con un finale sapido e fresco. 

Come servirlo

Temperatura di servizio: 10° - 12°

Servire in un calice di apertura media. Perfetto da bere subito, può essere lasciato riposare in cantina 4 - 5 anni.

Per saperne di più

L’uva subisce una pressatura soffice a cui segue una fermantazione in acciaio con lieviti autoctoni a 18-20°.

Maturazione di almeno 6 mesi in acciaio, con ulteriore affinamento in bottiglia di almeno 4 mesi.

Sabbioso e argilloso.

Basso campidano, vigneto ad alberello impiantato nel 1958.