Cenatiempo

Viticoltura eroica nel paradiso di Ischia

Vini di acqua e di fuoco, che parlano del mare di Ischia.

La cantina Cenatiempo è una parte importante della storia di Ischia: qui, già nella prima metà del Novecento, il nonno Francesco imbottigliava vino sfuso in un piccola cantina nel porto. E l'isola è una parte importante della famiglia Cenatiempo: la collocazione della tenuta, quasi scavata nella collina Kalimera, dona ai vini una salinità difficile da dimenticare. Proprio per mantenere intatta questa particolare materia prima, Pasquale Cenatiempo ha deciso di bandire dalla propria cantina ogni elemento capace di interferire con il prodotto finale. Da qui la scelta di utilizzare serbatoi di acciaio e vecchie vasche di cemento al fine di esaltare il naturale aroma delle uve. Una viticoltura eroica, praticata su terrazze scoscese, impraticabili per le macchine ma dove le vigne godono di una perfetta insolazione, e che si basa sui principi dell'agricoltura biodinamica. 

Vigneti

6 ettari, divisi in circa 15 appezzamenti, che vanno dalla costa, a pochi metri dal mare, fino a oltre 600 metri di altitutine. Le vigne ideali, ovviamente, sono quelle ospitate su terrazze strette e che ricevono a pieno la luce del sole. 

Uve e Vitigni

Le cantine Cenatiempo portano avanti da sempre un'azione di tutela del territorio e del patrimonio agrario che qui si trova. Ecco perché si prediligono i vitigni autoctoni dell'isola che nei secoli si sono perfettamente adattati all'ambiente e al clima. 

Terreno

Il terreno di Ischia è vulcanico e questo dona una forte mineralità ai vini che qui sono prodotti.

Sistema di coltivazione

Date le caratteristiche del terreno, la viticoltura delle cantine Cenatiempo non può che definirsi eroica: quasi tutte le attività non sono meccanizzabili e devono essere svolte a mano. Seguendo inoltre la tradizione di tutela attiva della biodiversità, nelle vigne Cenatiempo si porta avanti un'agricoltura biodinamica, nel pieno rispetto del suolo. 

La natura originaria di terreni e piante, infatti, non viene modificata con preparati chimici, ma al contrario viene preservata con la pratica dell'inerbimento spontaneo controllato e seminando i sovesci all'occorrenza. Per difendere le viti dalle malattie fungine vengono utilizzati solo rame e zolfo da contatto, che non sono assorbiti dalla vite.

Vinificazione

Per preservare a pieno la qualità delle uve e rappresentare al meglio il territorio, nelle cantine Cenatiempo l'intervento sui mosti è ridotto al minimo: ci si affida al controllo della temperatura di fermentazione, alle filtrazioni meccaniche e i solfiti sono usati in quantità appena percettibili. 

Perché è in Vinevo

I vini di Pasquale Cenatiempo esprimono l’incanto di Ischia, un’isola vulcanica del Mare Tirreno, con tutta la sua profondità e bellezza, ma sorprendono spesso con una freschezza simile a quelli di latitudini molto più nordiche. Le varietà coltivate sono tutte locali compresa la Forestera, l’ultimo vitigno recuperato da pochi anni ma di tradizione millenaria.
Pur essendo un ischitano verace, Pasquale è una persona schiva e intimista che rifugge le luci della ribalta. Per lui, parlano i suoi vini, irruenti ed eleganti, preziosi e autentici, viva espressione del mare e del fuoco da cui provengono.